Saturday, November 28, 2020

AL VECCHIO MONFALCONE BY IL SIGNORE DEGLI AGNELLI

« 1 di 4 »

PER STUZZICARE IL GUSTO CON PIATTI CHE SI ISPIRANO ALLE GOLOSE STEAKHOUSE AMERICANE CON LA QUALITA’ DEI PRODOTTI TIPICAMENTE ITALIANA.

Costine di maiale, macerate con spezie, che cuociono per circa 8 ore a fuoco basso, per poi essere sommerse con salsa barbecue su una griglia fumante: sono le Texas Ribes, uno dei piatti più succulenti proposti dal ristorante, steak house, pizzeria “Al vecchio Monfalcone by il signore degli agnelli” che sorge vicinissimo a piazza Marina, lungo il corso di Casamicciola Terme. Alla passione per il buon cibo del proprietario, Massimiliano Scibilia, 25 anni di esperienza nel settore alberghiero e della ristorazione, si deve la nascita di questo locale
che riunisce in sé le caratteristiche di un versatile ristorante e pizzeria a quelle di una vera steakhouse. Complici gli ampi spazi accoglienti (cui si aggiungono il giardino interno, molto curato, e i tavoli esterni direttamente sull’isola pedonale), ma con l’inverno le due sale sono perfette per regalarsi pranzi e serate con gli amici esplorando un menù ricco e stuzzicante, che propone piatti a base di carne – ma non solo – realizzati sempre a partire da ottime materie prime, e con la cura costante per aggiungere quel particolare che li renda indimenticabili. Scordate il piatto: molte delle articolate proposte del rinnovato Vecchio Monfalcone vengono, infatti, servite su capaci taglieri, che accolgono per esempio gli antipasti: fra l’altro salumi, polpettine in agrodolce, ottima parmigiana. Il biglietto da visita de “Al vecchio Monfalcone by il signore degli agnelli” è indubbiamente la qualità della carne, proveniente da Bologna, precisamente dalla “Lem”, l’unica azienda autorizzata in Europa ad allevare e macellare il Kobe (bovino la cui carne è considerata
una prelibatezza gastronomica giapponese e che si caratterizza per le striature di grasso che le conferiscono l’aspetto marmorizzato e, una volta cotta, ne rendono eccellente il sapore). “Sono certo della qualità di tutta la carne, a partire da quella per il classico hamburger che viene tritata e assemblata da noi, fino alla tagliata, che serviamo con porcini, polenta e scaglie di pecorino”. Largo inoltre a cinghiale, oca, agnello e maiale, ma c’è anche l’hamburger per i vegetariani, tutti presentati con tanti contorni, formaggio fuso, cipolle caramellate. Fra le pizze, oltre alle classiche, da assaggiare la “steak house”, ricoperta da ingredienti genuinamente “americani” quali hamburger, bacon, salsa barbecue e maionese. Poiché non dimentica la sua identità di ristorante, Massimiliano Scibilia propone anche un menù fresco, che aggiorna quotidianamente con pesce e verdure di stagione: da provare la pasta e patate, che arriva in tavola in calde pagnotte di pane con funghi porcini e tartufo grattugiato, i ravioli ripieni di baccalà con salsa di olive e capperi, gli involtini di pesce bandiera in salsa marinara. Il tutto accompagnato da una giusta selezione di birre classiche e artigianali tra cui spiccano la Morgana, non filtrata e non pastorizzata e quelle a bassa fermentazione firmate ‘Na Birretta.

text_redazione Ischiacity photo_Emanuele Minerva