Wednesday, November 14, 2018

BRO’ RESTAURANT & BISTROT

Text_ Cecilia D’Ambrosio  Photo_ Riccardo Sepe Visconti

PROPRIO SUL MARE, ALLA RIVA DESTRA DI ISCHIA, QUESTO NUOVO RISTORANTE PIACEVOLE E ACCOGLIENTE PROPONE UNA CUCINA CURATA E FANTASIOSA E UN’ATTENTA SELEZIONE DI MATERIE PRIME PER UN MENÙ DA ESPLORARE.

Brò è una bella novità che si è appena affacciata alla Riva Destra, che da sempre costituisce un punto di riferimento per chi vuole mangiare bene a Ischia. Frutto della ristrutturazione di un ampio spazio con alte volte a botte, Brò (il nome si rifà al modo in cui i ragazzi si chiamano amichevolmente fra loro, brò appunto dall’inglese brother, fratello) – arredamento pulito e lineare, uno spazio esterno per godere del fresco della sera e un bel bancone bar che caratterizza la sala interna – nasce dall’idea imprenditoriale di Roberto Cucari, che vuole proporre una ristorazione mediterranea, che parte dalla qualità delle materie prime e le lavora con rispetto e competenza per valorizzarle. Grazie allo chef Antonio Anzalone. che nel menù disegnato per Brò ha posto tutta l’esperienza che gli deriva da intensi anni di lavoro in Italia, nel ristorante di famiglia a Bacoli, e poi all’estero, a Miami e a Beirut. Non manca una selezione di carni di eccellenza, e tuttavia a Ischia – come è giusto – domina il pescato, declinato attraverso un percorso degustativo davvero interessante che si apre con piatti tanto originali quanto gustosi: dall’entrée di peperone dolce, sia grigliato che in forma di vellutata, abbinato alle fragole e con il tocco sapido e iodato delle cozze, ai diversi antipasti, polpette a base di melanzane e tonno, condite con menta e parmigiano e servite con mozzarella e olive taggiasche su una passatina di ceci, e completate con sottili bucce della melanzana fritte, ottimi gamberi avvolti da una croccante e leggera pasta kataifi (molto adoperata nella cucina libanese ma anche in Grecia) o ancora sempre gamberi ma appoggiati su una vellutata di ceci e completati con il tocco acidulo del frutto della passione. Molto apprezzate le tartare, che uniscono la freschezza della frutta e di certe verdure a quella del pesce, per esempio tonno con avocado o cetriolo, ricciola con ananas.

Per una virata fra i sapori di terra, perfetta la pettegola (pasta fresca simile alle pappardelle preparata da loro e già profumata con tartufo) mantecata con un intingolo ai funghi porcini e ancora tartufo aggiunto al momento di servire, ma è da provare anche il raviolone, sempre homemade, con una ricca farcitura a base di ricotta, aragosta, scampi, astice e gamberi, e condito con una salsa a base degli stessi crostacei. Mentre per i secondi si resta decisamente in riva al mare, spaziando dall’aragosta, cotta delicatamente al vapore per preservarne gli aromi e servita su una base di asparagi di mare e un condimento a crudo a base di agrumi a ciò che offre il mercato, dalla pezzogna al forno al limone o in guazzetto al pesce spada all’eoliana con olive e capperi. In carta anche una offerta di dessert che lo chef prepara personalmente – per esempio cassata alla siciliana al forno, una squisitezza, o NY cheesecake. In tutti i casi è importante che i sapori emergano netti e distinti. Da Brò, infatti, la cura per la selezione di ciò che va poi a comporre il piatto è tanta, anche nella scelta dell’olio, dei salumi – per i quali hanno individuato una piccola azienda d’eccellenza di Venticano in Irpinia – dei formaggi come del pomodoro, e poi la cantina, un centinaio di etichette, che comprendono quelle dell’isola e le migliori da ogni regione italiana, cui si aggiungono alcune francesi. Professionalità e passione ci sono tutti, in cucina, nell’organizzazione della sala, nell’impostazione attenta che Roberto Cucari ha voluto dare al suo restaurant & bistrò. Da scoprire.

Ristorante Brò

via porto 26 | Ischia – Info 081 2186185 – FB: Brò_restaurant&bistrot