Thursday, July 2, 2020

Fashion-I MUST HAVE P/E

20/2008

Text: Lucia Elena Vuoso

Gli accessori, in particolar modo negli ultimi anni, sono considerati i pezzi più importanti del nostro look, al pari e forse più del capo stesso d’abbigliamento, ed è proprio grazie a loro che ognuno di noi assume uno stile unico e definisce la propria personalità. Di solito le vere fashion victim seguono le anteprime delle sfilate per carpire agli stilisti, con largo anticipo, quale sarà il trend della stagione, ma mai come quest’anno in passerella si sono visti gli stili, i colori e i tessuti più diversi e il risultato è stato solo una grande confusione. E così noi di Ischiacity abbiamo fatto un’accurata selezione, prendendo il meglio delle passerelle di Milano, Parigi, Londra e New York e qui di seguito proponiamo quelli che, secondo noi, sono i veri “must have” della prossima primavera, cioè tutti quei dettagli di look che si devono necessariamente possedere – e indossare – per essere alla moda.
Cinture Importanti. La cintura già con le passerelle invernali si è imposta attraverso i segnali inequivocabili lanciati dai designers, ed è diventata il passepartout della prossima stagione: un ibrido tra il sexy corsetto ed il bustino di medievale memoria, si indossa a vita rigorosamente alta, non più tra i passanti dei pantaloni ma sugli abiti, volutamente a contrasto per evidenziare il punto vita e sagomare le forme.
Occhiali Maxi. Gli occhiali da sole non hanno soltanto la funzione di proteggere gli occhi e la pelle delicata di questa zona del viso dagli effetti nocivi del sole, ma soprattutto aggiungono quel tocco glamour che rende chi li indossa diverso, misterioso e sexy. Mai come quest’anno poi, accanto a modelli intramontabili come i classici occhiali a goccia, troviamo montature spesse ed evidenti. Gli occhiali più sofisticati hanno inserti dorati, stampa colorata oppure montatura bianca e lenti sfumate, sono quadrati o avvolgenti, ma sempre in maxi size per creare l’effetto diva, stile Audry Hepburn in “Colazione da Tiffany” e i mitici Blues Brothers degli anni ’60.
Pochette Macro. Maxidress, maxi t-shirt, giacche e caftani di due taglie più grandi: nella primavera 2008 regna l’oversize con un esplicito richiamo agli anni ’80. La nuova stagione non sarà maxi solo nelle taglie ma anche negli accessori, dai gioielli alla pochette. Quest’ultima, piccola per definizione, quest’estate si allunga e si allarga, diventando capiente quasi quanto la borsa di Mary Poppins, da sfoggiare non solo come oggettino serale, ma come una big bag, da tenere ben stretta tra le dita, che contenga anche il necessario per il giorno. La maxi clutch (‘afferrare’ in inglese), di pelle, di vernice, di nappa, con fantasia patchwork, floreale in stile retrò, focalizza l’attenzione sulle mani per cui esige una manicure curatissima, meglio se con le unghie rosse.
Sandali e borse di vernice. Nessun colore in particolare, nessuna forma specifica, basta che siano lucidi, anzi lucidissimi, talmente tanto che sia possibile specchiarsi. Dalle lussuose Louis Vuitton e Dior alle altrettanto stilose e più accessibili proposte di Carpisa, tutto è lecito per cavalcare il must stagionale e non c’è maison che faccia eccezione a questo trend. Mentre un tempo gli accessori in vernice venivano usati di sera per la loro eleganza, oggi vengono indossati in qualsiasi ora del giorno, pur restando oggetti di lusso. Procuratevi una borsa in vernice o sarete out. E nella scelta prediligete il black alla “Catwoman” o il rosso femme fatale, mentre per chi vuole osare c’è il verde fluorescente o il fucsia acceso. Basta non dimenticare di abbinare portafoglio, cintura e – addirittura – cappello.
Caschetto. Dopo lo spopolare negli scorsi anni di chiome brune e frangette ultrapiatte, ritorna quest’estate il biondo, possibilmente accompagnato da un taglio corto, asimmetrico e spettinato. Donne angeliche e naturali dai capelli selvaggi e morbidi. Sono assolutamente da evitare le extensions e le lunghe chiome da Raperonzolo: è l’ora della donna maschiaccio coi capelli corti o al massimo alle spalle, con le punte indefinite. La fantastica moda degli anni ’60 stile Twiggy è tornata al futuro.