Saturday, June 23, 2018

PORTA IN TAVOLA PRODOTTI CERTIFICATI

Text_ Riccardo Sepe Visconti  Photo_ Dayana Chiocca

ALLA TENUTA DON NICOLA È POSSIBILE RISERVARSI PICCOLI LOTTI DI COLTIVAZIONI DEDICATE, CHE ROBERTO IACONO IMPIANTA SEGUENDO LE INDICAZIONI DEI COMMITTENTI, CUI VERRÀ GARANTITA COSÌ UNA PRODUZIONE PERSONALIZZATA DI ORTAGGI.

Mangiare cibo di buon sapore non è troppo difficile; mangiare cose gustose delle quali si conosce l’esatta – e documentata! – provenienza è assai più raro: sebbene, infatti, per certi versi i regolamenti UE si dimostrano fin troppo dettagliati, è pur vero che una certa confusione legislativa offre la possibilità (più che concreta) di ritrovarsi in tavola prodotti di cattiva qualità e dubbia purezza. Personalmente penso, quindi, che il grande valore aggiunto della ristorazione sia proprio questo: garantire che le materie prime che vanno a comporre le pietanze oltre ad essere “espressione del territorio” (o come qualcuno dice in modo più “visivo” “prodotti a Km 0”): tutto ciò comporta, com’è ovvio, dei costi ben diversi da quelli di chi coltiva o alleva senza alcuna osservanza delle direttive di profilassi sanitaria, ma consente di avere prodotti rigorosamente certificati, la cui filiera di lavorazione è controllata ed approvata da supervisori esperti e qualificati. Ecco perché consiglio spesso a tanti ristoratori, di andare a fare la spesa presso aziende che lavorano nel segno della genuinità e del rispetto delle norme, esattamente come accade all’orto e fattoria della Tenuta Don Nicola, ai Maronti, nel comune di Barano.

Roberto Iacono che, insieme alla compagna Erica Ricci, sovrintende a tutti i processi di produzione, è un uomo totalmente concentrato sull’obiettivo di offrire ai molti che lo scelgono alimenti identitari della grande tradizione terragna dell’Isola d’Ischia (in passato, per questo, gli ischitani venivano definiti “mangiafoglie”. A differenza di quanto accadeva a Procida o a Pozzuoli, infatti, l’isola non è mai stata particolarmente incline a sviluppare il comparto della pesca mentre si è sempre rivolta con cura e passione alla coltivazione degli orti, delle vigne e all’allevamento di qualche animale da cortile, in particolare il coniglio da fossa). Presso la Tenuta don Nicola, oltre ad acquistare i prodotti agricoli che seguono il naturale avvicendarsi delle stagioni, dalle spezie e aromatiche di molte varietà (tra le quali alcune inusuali cultivar di basilico rosso vellutato) a tuberi e verdure di ogni tipo, adatti ad essere grigliati, fritti o cotti al forno (impossibile elencarli tutti, si va dai finocchi a insalate e scarole, cavoli, varie tipologie di broccoli, e poi sarà la volta di carciofi e legumi, cipolle, melanzane, zucchine, peperoni dolci, tanti tipi di peperoncino piccante, il grandissimo pomodoro da insalata dei Maronti e numerose altre varietà di questo squisito vegetale), si ha anche la possibilità di fissare dei piccoli lotti di coltivazioni dedicate, che Roberto impianterà su richiesta dei diretti interessati garantendo una produzione personalizzata sulle esigenze dei committenti. Tutto ciò darà a molti ristoratori (ma anche a raffinate casalinghe che desiderano stupire in tavola!) la facoltà di crearsi un orto con prodotti garantiti ed esclusivi, che caratterizzeranno l’elaborazione di ricette irripetibili e segretissime.

Amo immaginare che l’evoluzione della cucina di alta classe sia esattamente questo: la possibilità di creare – grazie ad uno chef che abbia le idee ben chiare – piatti composti da elementi assolutamente genuini, freschissimi e autoctoni. Ecco perché penso che la strada indicata da Roberto Iacono sia davvero valida: al giorno d’oggi non è più possibile (né è sicuro) rivolgersi con una certa ingenuità al contadino o all’amico fidato per procurarsi prodotti di cui non sappiamo dove sono stati coltivati, con quali concimi, se sono stati adoperati anticrittogamici o pesticidi, etc. Quando serviamo in tavola una pietanza, dobbiamo poter dare la certezza a chi mangia che l’alimento è sicuro e conforme ai parametri di legalità ed igiene, e tutto questo può essere assicurato solo se prodotto da un’Azienda che ha le carte in regola. In conclusione, fare una visita a realtà come la Tenuta don Nicola non solo offre il vantaggio di poter acquistare ortaggi freschissimi e garantiti, ma consente anche, a chi ha esigenze più sofisticate, di indicare con esattezza quali caratteristiche deve avere la materia prima che si desidera. E questo è il massimo a cui possa aspirare chi sulla buona cucina vuole costruirsi un’immagine.

Azienda Agricola Tenuta Don Nicola

via Maronti, loc. Pantano (50 mt dal piazzale dei Maronti) | Barano d’Ischia

Tenuta don Nicola Azienda Agricola – Vendita a domicilio su prenotazione

Per prenotare il box di verdure assortite e uova fresche telefonare o inviare whatsapp al 331.3351739 – tenutadonnicola.com