Tuesday, November 13, 2018

UNO SU TUTTI IL PIATTO CHE MI HA SEDOTTO IL RAVIOLO RIPIENO DI CONIGLIO

LA NOSTRA FOOD INFLUENCER CECILIA È SEMPRE IN GIRO ALLA RICERCA DI NUOVI SAPORI, DI ABBINAMENTI INSOLITI E DI CHEF CHE CATTURINO LA SUA ATTENZIONE (E IL SUO PALATO). E QUANDO PUNTA IL COLTELLO, È PERCHÉ HA SCELTO DI AFFONDARLO NEL PIATTO GIUSTO, QUELLO CHE SU TUTTI REPUTA ECCELLENTE E… ASSOLUTAMENTE DA PROVARE!

Text_ Cecilia D’Ambrosio  Photo_ Riccardo Sepe Visconti

Di giorno una distesa di mare a perdita d’occhio fra i promontori di punta Chiarito e S. Angelo, di sera il fascino del borgo illuminato e della profondità della notte che da quassù, dalla terrazza del ristorante La Tuga, all’interno del resort Costa del Capitano, ha un sapore diverso, unico. Nella elegante cucina a vista, invece, lo chef Gianluca D’Ambra con la sua brigata lavora ai sapori della terra e del pescato, delle erbe aromatiche e delle verdure che di stagione in stagione la campagna ischitana regala con generosità. Per dar vita a piatti che hanno le loro radici nell’isola in cui è nato – benché rielaborati con sensibilità per il gusto di oggi. Con una cura ed eleganza nella presentazione pari al gioco delicato dei sapori. Come nei ravioli farciti di coniglio all’ischitana. Il coniglio alla cacciatora – rosolato e poi cucinato nel tegame con vino locale, pomodorini e spezie fresche, aglio vestito, maggiorana, piperna, che generano un intingolo profumato usato per condire la pasta e l’animale stesso – è il cibo per eccellenza dell’isola, ogni famiglia ischitana ha la sua ricetta, in ciascuna frazione si prepara secondo regole un po’ diverse. Lo chef D’Ambra è partito da questo retaggio che appartiene di fatto a tutti gli isolani per creare i suoi ravioli: la pasta fresca, tirata fino a renderla sottile, accoglie le carni tenere e dal gusto inconfondibile del coniglio preparato secondo la ricetta tipica. Vengono serviti con pomodorini gialli e rossi “asciugati”, quasi dei frutti per quanto risultano dolci e morbidi e salsa al basilico, irrorati con un brodo preparato con tutte le spezie che si usano per condire il coniglio. Un piatto che racconta l’essenza di quello tradizionale, alleggerendolo ed esaltandone le singole componenti.

OBBLIGO O VERITA’?

La verità è che la tradizione, le ricette tramandate per secoli, fanno parte della cultura di un luogo e ne definiscono l’unicità, costituiscono un patrimonio, una fonte di ispirazione, e i bravi chef lo sanno bene.

Via Provinciale Succhivo, 36, Sant’Angelo | Serrara Fontana

Tel. +39 081 909571 +39 3499857364

costadelcapitano.com   FB: Costa Del Capitano-S.Angelo/Ischia