Monday, July 22, 2019

RISTORANTE O’ PURTICCIULL

DA SCEGLIERE PER GUSTARE OTTIMO PESCATO DI PREGIO, CROSTACEI, SOPRA TUTTI L’ARAGOSTA, GODENDOSI L’ATMOSFERA UNICA DELLA RIVA DESTRA, A ISCHIA.

E’ dal 1997 che Pino Fedele guida questo locale storico della Riva Destra, insieme alla moglie Anna Maria Calise, da visitare assolutamente se si desidera mangiare pescato di pregio: in realtà Pino al Purticciull’ ci è cresciuto, lavorando insieme alla madre Maria Albanese che lo ha aperto alla fine degli anni ’60. Alle pareti del locale in bella mostra le foto dei tanti divi, artisti, vip che si sono seduti a un passo dal mare, nell’affascinante ambiente della Riva Destra, per gustare i piatti di Maria prima e adesso di Pino. Le loro specialità in verità sono tante, a cominciare dai crudi – ostriche, ricci, taratufi, gamberoni di Mazzara, scampi locali e aragosta – e poi le tartare, di tonno rosso, ricciola, spigola condite con olive, capperi, limone o arancia e un tocco di gin, e i marinati dell’antipasto dei 5 mari: alici, tonno, salmone, bandiera, polpo, cannolicchi, serviti su un letto di verdure di stagione. Grande attenzione va alla scelta delle aragoste, regina dei crostacei e presenza costante nel menù del Purticciull’, che prende solo animali di provenienza italiana e pescati in mare. Si può gustare in carpaccio, ma anche alla griglia o alla catalana, bollita e accompagnata da cipolle, verdure e una vinaigrette, e naturalmente con le linguine. Ma per chi lo preferisce c ’ è l’astice, per esempio alla griglia accompagnato da una salsina con limone, zenzero e crema di pistacchi. Il mare anche nei primi, dai bucatini cozze e pecorino, ai paccheri con la ricciola, agli spaghetti ai ricci. Speciale il polpo alla griglia su letto di finocchi con tartare di mela verde, crema di pistacchi, pomodori secchi, ricetta tradizionale per i polipetti locali affogati, con pomodorini, vino bianco, peperoncino, da provare i cannolicchi e cozze grigliati. Per i secondi, spazio a pesci come la spigola (o la ricciola) al forno con patate e olive verdi o all’acqua pazza, o ancora in crosta di sale, cotta nel forno a legna delle pizze, un’esclusività questa del Purticciull’. I dolci sono di produzione propria: zuccotto di pan di Spagna con fragoline e panna, cheesecake, pastiera, babà… Piatti prestigiosi come questi vanno accompagnati con un’ampia selezione di vini: la ricca carta del Purticciull’ annovera i migliori isolani, e tante le etichette italiane e straniere importanti, fra i vini come fra champagne e spumanti.