Wednesday, May 25, 2022

La sua delizia al limone è un punto di riferimento per l’equilibrio dei sapori e delle consistenze: Enrico Caredda, pasticciere da sempre, con una passione incontenibile per il suo lavoro, nel nuovo laboratorio e negozio che ha aperto al centro di Panza crea dessert sempre diversi da affiancare ai suoi grandi classici. Perfetto, per un dopo cena, per esempio lo Scrigno, con strati di pan di spagna al cioccolato alternati a tre gusti diversi di mousse, tipo red velvet, alla vaniglia e all’amarena, mentre il top è di glassa al cioccolato e frutta fresca (foto di apertura). Molto richiesta, insieme alla Morena, creazione originale di Caredda con una squisita farcitura al cioccolato e caffè, la torta Pinguì, scenografica nella sua semplicità. All’interno pan di spagna al tartufo con mandorle e cioccolato fondente, molto morbido, mousse al latte e variegato alla nutella, con copertura sempre di candida mousse al latte e glassa al cioccolato, è il dolce ideale anche per una festa di bambini. Il maestro pasticciere Caredda cura molto la scelta degli ingredienti e realizza tutto nel suo laboratorio, dalle ganache alla crema gianduia, dalla pasta di zucchero ai canditi alla farcitura per i cannoli. E, nel caso della regina dei dolci di tradizione, la cassata, sceglie ricotta di pecora dalla Sardegna, dal gusto intenso che grazie alla sapiente lavorazione diventa una delicata crema arricchita con gocce di cioccolato fondente che va a farcire un leggero pan di spagna; la copertura, come vuole la ricetta originale siciliana è di naspro bianco, completata con frutta candita. Intorno un trionfo di frutta martorana, altra preparazione di origine siciliana, a base di farina di mandorle e miele cui con pazienza e creatività Caredda dà l’aspetto di vera frutta in miniatura.

Text_ Cecilia D’Ambrosio  Photo_ Riccardo Sepe Visconti

ICITY56