Thursday, November 26, 2020

NITRODI-BLUE DREAM: LA NUOVA FRONTIERA DEL BENESSERE

« 1 di 8 »

Acqua ed Erbe
Il mare che bagna le coste, che penetra in profondità fino al cuore dell’isola, avvolge le rocce e accarezza il fuoco, poi si lega alle acque che salgono dal magma e alle lacrime del cielo che attraversano i tufi e le argille. E’ il matrimonio tra il Cielo e la Terra, testimoni sono le acque e le erbe che il cuore ancora caldo dell’antico vulcano arricchisce di tonalità aromatiche uniche. Questo lo spirito che anima la Fonte delle Ninfe Nitrodi, l’unico parco termale dove si coniuga l’acqua con le erbe, dove la salute e la bellezza trovano negli spazi verdi idroaromaterapici la nuova frontiera del Benessere, vale a dire la filosofia Spaeh (Salus per Aquam et Herbas). Spaeh significa arricchire le cure termali che l’isola d’Ischia offre con le sue sorgenti
da oltre 2000 anni, attingendo al patrimonio inestimabile costituito dal mondo vegetale, con le preziose sostanze contenute nelle erbe. Gli oli essenziali di cui sono pregni Timo, Rosmarino, Salvia, Alloro, Mirto, Ginestra si legano ai vapori delle acque termali, della brezza marina ed al fresco zefiro che proviene dalle colline dell’Epomeo. E’ il patto d’amore tra l’uomo e la Natura, che solo Ischia Mediterranea satura di verde eleganza può celebrare. La fonte con il suo parco idroaromaterapico permette di chiudere il ciclo del “Salus Per Aquam”, offrendo agli aromi sprigionati dalle essenze mediterranee il veicolo naturale per entrare nel corpo e nell’anima, riequilibrando i cicli circadiani sempre più alterati grazie all’antica forza costituita dall’acqua termale e dalla natura mediterranea, mentre le Erbe da respirare e da bere purificano la mente e ripuliscono il corpo.
Tra Storia e Mito
Gli antichi consacrarono la sorgente di Nitrodi ad Apollo e alle sue Ninfe in quanto consideravano talmente prodigiosi gli effetti di questa linfa leggera e preziosa, che non potevano che essere dovuti all’intervento della divinità. E addirittura il mito racconta che la fonte stessa era, in realtà, una ninfa, Iale, che era stata mutata in sorgente dopo che ella carpì agli Dei il Nitro e lo Zolfo, che rimescolò con le Acque termali, per aiutare la popolazione colpita da una grave pestilenza. Grande fu, perciò, la collera degli Dei, che tramutarono Iale nella sorgente di Nitrodi, quella che scorre tra il Monte e il Mare e dove le Ninfe di Apollo custodiscono l’antico segreto della Bellezza e della Salute. Origine sacra, dunque, per questa sorgente che costituì per gli antichi Greci e Romani, e poi per le popolazioni isolane, un luogo che restituiva la salute. Al punto che in epoca imperiale persone guarite dall’acqua delle ninfe dedicarono come ex voto presso la fonte una serie di lastre votive scolpite. In alcune iscrizioni si legge anche il nome di medici, il che dimostra che presso la sorgente vi fosse una scuola di Idrologia Medica. Oggi le antiche lastre di marmo, ritrovate nel XVIII secolo, sono esposte al Museo archeologico Nazionale di Napoli e, in copia, nel museo di Pithecusae a Lacco Ameno. Ma la fama delle proprietà salutari della fonte di Nitrodi sopravvisse alla fine del mondo classico: le popolazioni isolane continuarono, infatti, a recarvisi per risanare piaghe, ferite, ustioni, per lavare il corpo e la pelle con un’acqua che la rende pulita e splendente.

Caratteri Terapeutici
Oggi, come duemila anni fa, quell’acqua conserva intatte le sue eccellenti proprietà: classificata come minerale, ipotermale, bicarbonatosolfato alcalina, è stata studiata dal
prof. Massimo Mancioli dell’Università La Sapienza di Roma, che ha approfondito in particolare il suo uso per cure idropiniche. Bevuta, infatti, l’acqua di Nitrodi ha effetto trofocicatrizzante, antinfiammatorio e gastrocalmante, particolarmente benefico per gastriti, ulcere, gastroduodeniti, acidità di stomaco. Per uso esterno, cioè bagnando la pelle, agisce sui processi nutrizionali dei tessuti con cui viene a contatto, ha proprietà eudermiche, cioè aiuta la rigenerazione dei tessuti, ed è, dunque, indicata nella terapia di piaghe, fistole, foruncoli, ustioni, ferite ulcerose, psoriasi, dermatiti, acne, eczemi. L’azione dei minerali contenuti nell’acqua lascia la pelle levigata, liscia e pulita, senza residui odorosi o salini. La ricchezza di bicarbonato ed il mix di minerali contenuti nell’acqua favoriscono l’esfoliazione naturale, facendo dismettere i vari strati di cellule morte e i pori depurati fanno respirare la pelle. La scaturigine naturale di Nitrodi eroga circa 12 mila litri di acqua all’ora
che viene distribuita nel parco attraverso docce, lavabi e fontanine senza aggiunta di alcun additivo sia perché all’interno dello stabilimento ci sono solo docce e sia perché la stessa, dopo l’uso, viene poi rimessa nel suo corso naturale e quindi non è più riutilizzata.

Benessere Nitrodi Bellezza e armonia per mente e corpo
I percorsi Spaeh (ayurveda, estetica viso e corpo, massaggi tradizionali) proposti all’interno del parco combinano i differenti elementi che
costituiscono le specificità della Fonte delle Ninfe Nitrodi l’acqua, gli itinerari attraverso i sentieri aromatici, gli infusi di acqua ed erbe con pratiche e trattamenti attinti anche alle culture orientali. Sia i massaggi ayurvedici che il drenaggio linfatico che i trattamenti (che vanno dal detox a quello per pelli secche e sensibili all’antiage a quello coadiuvante per psoriasi e dermatiti, e sono solo alcuni dei numerosi che si praticano presso il parco) sono effettuati adoperando acqua di Nitrodi e sostanze selezionate per le loro proprietà rigeneranti, idratanti, stimolanti, antiossidanti, per esempio mix di oli essenziali ed estratti di attivi vegetali (vite rossa, argan, aloe, borragine, olivo, alginati di alghe…), e si concludono gustando un infuso alle erbe, scelto a secondo dello scopo che si vuole raggiungere e sono preceduti da una passeggiata terapeutica nel parco aromaterapico e una sosta al solarium. Per riportare benessere, bellezza ed armonia in tutta la persona, Mente e Corpo. E allo spirito sono dedicati gli incontri con la Natura nel salotto verde: una volta alla settimana, si tengono all’interno del parco incontri tematici per far conoscere la ricchezza geologica, botanica, idrologica e storica dell’isola d’Ischia, attraverso conversazioni con esperti dedicate alle piante, alle acque termali, alle peculiarità del territorio isolano.

#natura #trekking #wellness

Text_Giuseppe Sollino

Related Posts

IL WELLNESS FOOD DELLA FONTE DELLE NINFE NITRODI
PALESTRA EVOLUTION
LA PESCA DI RE FERDINANDO